Marco Ferrara

Cisti

Cisti , sotto questa parola si racchiudono tantissime argomentazioni.
L’osservazione dei nostri amici pinnuti durante il nuoto,l’alimentazione o i momenti tranquilli risulta essere molto importante perche’ si possono scorgere alcune sintomatologie che se prese in tempo si riescono a debellare.

Capita a volte di osservare sulla cute dei piccoli rigonfiamenti tondeggianti e localizzati riconducibili a delle palline sopratutto nei carassi che ne è la specie più colpita.Il più delle volte non gli diamo importanza perchè magari pensiamo che abbia mangiato troppo,che si sia procurato una ferita su un arredo e quindi sia gonfiato ma molte volte si tratta di qualcosa diversa e più seria.

La prima cosa da analizzare è la zona dove si presenta questo rigonfiamento infatti se è localizzata dove sono presenti organi interni (ovviamente consultando l’anatomia del pesce) possono essere dovuti ad ingrossamenti del fegato,milza,intestino e che il piu’ delle volte se dovuto a germi o batteri portano alla morte perchè è molto difficile da curare in quanto l’agente patogeno non è facilmente raggiungibile da medicinali essendo gli organi interni poco vascolati e il patogeno risulta incistato internamente.

Questi rigonfiamenti se invece si presentano in zone dove non sono presenti organi interni e lontano dalle linee sensoriali nonchè dalle terminazioni del sistema nervoso molte volte possono essere curate perche’ rappresentano delle cisti magari causate da batteri , di cui si sconoscono le cause,possono essere riconducibili anche a masse tumorali ma in questo caso non vi è nulla da fare.

Allo scopo volevo illustrarvi una esperienza vissuta con un amico del gruppo facebook che ci ha autorizzato a postare le sue foto mostrando l’evoluzione di cio’ che ha riscontrato .

Il carassio si presentava cosi’:

essendo lontano dalla testa e da organi evidenti ,lo teneva sotto controllo per vedere l’evoluzione per poi diventare come le foto seguenti

a questo punto si doveva intervenire perchè era molto evidente lo stato di corrosione proprio nella zona del rigonfiamento e quindi si è pensato di applicare una piccola quantità(giusto per ricoprire la zona) di gentalyn beta (reperibile in farmacia) dopo aver adagiato il pesce su di un panno umido.

Tale operazione deve essere effettuata in modo rapido e deciso in quanto il pesce si dovrà cercare di mantenere fuori dall’acqua il minor tempo possibile ,dopodicchè reinserire il pesce in vasca .

Ripetere questa operazione a giorni alterni per circa 3 somministrazioni

Il pesce in cura si presentava in questa condizione:

ecco che la zona dove è stata applicata la crema risulta vistosamente migliorata e il gonfiore sparito.
A questo punto non è stato più fatto nessun trattamento se non quello di cercare di mantenere il suo ambiente pulito e aver curata l’alimentazione proteica per dare la carica necessaria affinchè abbia la giusta energia per reagire evitando stress che bene socuramente non fanno.

Dopo circa 20gg dal trattamento il pesce si presentava cosi’ :

Molto evidente la totale guarigione dell’esemplare.

Si consiglia in questi casi di fare attenzione alla cura da scegliere ,ovviamente non sempre porta risultati positivi ma dipende sopratutto dallo stato della malattia o infezione e dal tipo di malattia.La cura in questione è stata effettuata in collaborazione con il nostro staff che ne ha seguito l’evoluzione giorno dopo giorno.

Si ringrazia Luigi Quattrini per averci concesso l’utilizzo delle foto

Non si ritiene responsabile nè il compilatore di questa guida ne’ la direzione di acquariofili.com per eventuali errati utilizzi o per comportamenti diversi da quanto indicato nella guida.

 

E’ vietato copiare anche parzialmente questo articolo e relative immagini senza l’autorizzazione dello staff di acquariofili e del proprietario.

 

©www.acquariofili.com

498 Total Views 6 Views Today

Dettagli sull'autore

Marco Ferrara

Marco Ferrara

Da circa 32 anni coltivo la passione per l'acquariofilia e da circa 10 insieme a degli amici abbiamo deciso di mettere su un portale con tante informazioni mettendo a disposizione la nostra esperienza.

Ho allevato e riprodotto tantissime specie di fauna dai ciclidi ai poecilidi,ultimamente la mia attenzione è rivolta agli anabantidi nello specie betta splendens ,allevo anche varie specie di caridine e gli immancabili scalari.

Da circa 5 anni ho una particolare attrazione per le piante coltivando anche delle essenze rare con splendidi risultati.
Le mie ottime conquiste e risultati sono frutto di prove,letture e anche dell'aiuto di altri amici che hanno condiviso con me le proprie esperienze cosa che io da tempo ho deciso di fare con chi ne ha bisogno.......

Inserisci un commento